Ad Ozzano Taro, frazione del comune di Collecchio in provincia di Parma, c’è un luogo magico che si chiama Museo Guatelli.

Ettore Guatelli è stato il creatore del “Museo dell’Ovvio”. Nella cascina dove è vissuto, ha raccolto oggetti semplici del secolo passato che i contadini usavano nella loro vita quotidiana. Questo spazio racchiude, in una disposizione scenografica che cattura l’occhio, attrezzi contadini dei quali si sente ancora l’anima. Ci si collega, qui, ad un tempo in cui era fondamentale aiutarsi l’un l’altro, riuscire a cavarsela con ciò che si aveva a disposizione, adattandolo alle proprie esigenze. Il sapere era tramandato a voce e la concretezza della vita e la sopravvivenza erano legate strettamente alla natura della quale si conoscevano i ritmi e gli aspetti utili.

La foto è uno dei tanti appunti di Guatelli, informazioni raccolte dalle parole delle persone con cui era entrato in contatto.

Ora entrando in un supermercato abbiamo a disposizione quasi tutto ciò di cui possiamo avere bisogno, pagando. Una volta al posto del borotalco si usava, in campagna, la polvere di tarlo. Se andrete a visitare il museo vedrete, dove c’è questo appunto scritto a macchina, un contenitore di vetro con questa polvere impalpabile. Veniva utilizzata per lenire la pelle arrossata dei bambini che non portavano pannolini ma pezze di tessuto magari per molte ore al giorno oppure come cipria e probabilmente anche per altro.

 

Museo Ettore Guatelli
Via Nazionale, 130
43044 Ozzano Taro                     Collecchio (PR)

Tel. +39 0521 333601

https://www.museoguatelli.it