Le costellazioni sono una modalità tridimensionale che aiuta a osservare le dinamiche di un sistema, a partire da una domanda che sta a cuore alla persona che la pone. Esse permettono di guardare con occhi nuovi le situazioni che generano tensioni o blocchi e di trovare un primo passo concreto per attivare nuove modalità di azione.

Originariamente le costellazioni familiari nascono dall’impulso di Bert Hellinger il quale, osservando le dinamiche relazionali, ha individuato alcune regole, da lui denominate gli “ordini dell’amore”, che governano le relazioni e che, se riconosciute e riattivate, aiutano il sistema ad acquisire un equilibrio sano per i suoi componenti. Queste regole si riferiscono, all’inclusione di tutti i membri del sistema, all’ordine di appartenenza e al giusto posto che ogni persona ha all’interno del sistema stesso.

Attraverso le costellazioni familiari si può osservare come le relazioni siano a volte condizionate da alcune situazioni che si sono create anche molto lontano nel tempo, in generazioni precedenti, e che continuano ad avere ripercussioni sui componenti della famiglia, generando ciò che Hellinger chiama “irretimenti”, cioè legami spesso non visibili ma ancora presenti nelle generazioni successive.

Si è potuto osservare, grazie al contributo di diversi studiosi, che le medesime regole dei sistemi familiari valgono anche quando si osservano sistemi organizzativi oppure aspetti di sé che creano ostacoli alla realizzazione di progetti (ad esempio la difficoltà a finalizzare un progetto oppure la relazione con il proprio corpo, o ancora pensieri ricorrenti, spesso legati a credenze limitanti, che offuscano l’osservazione oggettiva delle situazioni). Un’interessante applicazione dell’approccio costellativo riguarda la relazione con il femminile e il maschile: si è osservato quanto sia importante riattivare un flusso buono di collegamento per le donne con la propria linea familiare materna e per gli uomini con la propria linea familiare paterna, in modo da liberarsi da eventuali pesi o condizionamenti derivanti da altri componenti della famiglia, acquisire una consapevolezza utile per portare avanti la propria energia originaria e realizzare se stessi, sia personalmente che professionalmente.

In sintesi, un’importante funzione che ha la costellazione è di aiutare a portare alla luce gli impliciti che il sistema porta con sé e a renderli espliciti, permettendo agli elementi che compongono il sistema stesso di ritrovare il proprio giusto posto, ridando legittimità a ogni elemento e facilitandone l’armonia.

Quando si affrontano tematiche relazionali, la costellazione può essere svolta anche solo da uno dei componenti del sistema; gli effetti solitamente si manifestano sugli altri elementi, attraverso la messa in atto di nuove dinamiche.

A volte è sufficiente una costellazione, individuale o di gruppo, per aiutare da subito a fare chiarezza su ciò che blocca e ciò che fa fluire l’armonia all’interno del sistema; altre volte è meglio andare per piccoli passi e accompagnare la costellazione con incontri di counseling oppure far seguire, a distanza di tempo, una successiva costellazione per osservare altre parti del sistema e attivare gradualmente nuovi passi.

Gabriella Vigo
Counselor Professionista, Costellatrice e Formatrice

gabriella.vigo@fastwebnet.it